domenica 29 aprile 2012

Colombina

Vesti la giubba,
la faccia infarina,
la gente paga e rider vuole qua
e se Arlecchin
s’invola Colombina,
ridi pagliaccio
e ognun t’applaudirà.
Tramuta in lazzi lo spasmo e il pianto,
in una smorfia il singhiozzo e il dolor,
ridi pagliaccio
sul tuo amor infranto,


ridi per quel che t’avvelena il cor!

4 commenti:

  1. Ah se hai ragione! Bello il "solito" capolavoro! Ciao!

    RispondiElimina
  2. Ciao Valentina!
    Mi piace molto sia la tua creazione sia i versi che l'accompagnano, anche se stridono con la gioia che di solito le mascherine richiamano. Spero che la risata diventi presto la risata di un cuore felice!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Veramente un capolavoro, complimenti!!

    RispondiElimina
  4. Poichè non sono molto brava con l'uncinetto, invento creazioni semplici anziché seguire schemi altrui. Grazie a tutte, siete gentilissime!

    RispondiElimina

Blogroll

Lettori fissi